header image
 

Nella speranza di poterci rivedere il prossimo anno,

Auguri, Auguri di………

 

COVID: posso immergermi dopo il vaccino? Marina Militare e Ministero dell’Interno – Nuclei di Soccorso Subacqueo e Acquatico (NSSA) raccomandano astensione dall’immersione nelle 24 ore successive a qualsiasi tipo di vaccino (non solo COVID) e dalle immersioni più profonde dei 30 metri nei sette giorni successivi al vaccino COVID (di qualsiasi Ditta). Sono decisioni precauzionali, stabilite sul parere degli esperti (me compreso) per la tutela della salute degli operatori pur in assenza di studi scientifici a supporto. Per i subacquei tecnici, suggerisco (mio parere) che la pressione parziale dell’azoto nella miscela di fondo non sia superiore a 3,2 bar (equivalente a quella nell’aria a 30 metri), in tal modo si incrementa la pressione parziale dell’elio che certamente è meno tossico per l’endotelio rispetto all’azoto. Raccomando la protezione termica (giubbotto riscaldato) e il Dive Propulsion Vehicle (scooter).

Per chi vuole saperne di più. Il virus SARS-CoV-2 causa un danno alla superficie dei vasi sanguigni (endotelio). Questo è più fragile in chi abbia colesterolo LDL alto, età avanzata, fumi sigarette, soffra per patologie vascolari (ictus, infarto, trombosi) o della coagulazione. L’immersione, per l’aumentata pressione parziale dei gas e le bolle, può causare sofferenza dell’endotelio. Le due informazioni messe insieme fanno si che dopo infezione COVID è obbligatorio sottoporsi a una visita medica per la rivalutazione della idoneità all’attività subacquea secondo una procedura che è chiara ai medici subacquei.

Per l’immersione dopo un vaccino COVID? I vaccini (tutti) utilizzano un vettore virale, cioè un virus che, pur innocuo per l’uomo, deve comunque interagire con l’endotelio, entrare nelle cellule e indurle a produrre una particella del virus (proteina spike) che induca la risposta immunitaria dell’organismo verso il SARS-CoV-2. Talvolta l’interazione diventa danno (endotelite).

C’è differenza tra i vaccini? Astra Zeneca (AZ) utilizza un virus con doppio filamento di DNA (più stabile) mentre gli altri vaccini utilizzano un virus a singolo filamento di RNA (più delicato). Nessuna evidenza che, sui grossi numeri, AZ sia diverso dagli altri nel causare danno endoteliale, cardiaco. Rispettate la raccomandazione di evitare l’immersione nelle 24 ore (meglio 7 giorni) dopo il vaccino. A parte questo, viva l’immersione!

Passo dopo passo, mattone dopo mattone, grazie ai nostri Soci, Sponsor siamo cresciuti, e il nostro impegno è di migliorarci ancora, per poter donare un sorriso ai bambini.
Grazie a tutti voi !!

 

« Older Entries